mercoledì 18 marzo 2009

Questa è casa mia e qui comando io!


La simbologia, soprattutto nelle occasioni pubbliche, ha ormai assunto un ruolo di primo piano. Le strategie comunicative approfittano della presenza delle telecamere per sfoggiare tutta la loro spudoratezza.

E allora ecco il boss in maniche di camicia, chiamare a sè, proprio come animali sapientemente ammaestrati, coloro i quali dovranno fare le sue veci in provincia mentre lui è impegnato a Roma a salvare il mondo con il nucleare. Loro invece sono costretti a trattenere tutta l'emozione del momento nelle cuciture della giacca, manco fossero ospiti in un salotto altrui.

Il mastellismo ha fatto scuola.
E tante, più o meno piccole, Ceppaloni sono già nate sull'italico territorio.

3 commenti:

Pel(l)acani ha detto...

direi meglio "piccoli Farinacci crescono"

Il Grande Favollo ha detto...

Ogni dì voglio sapere che cosa succedeeeee!

Anonimo ha detto...

I want not acquiesce in on it. I think nice post. Particularly the designation attracted me to be familiar with the unscathed story.